mercoledì 11 giugno 2014

LA TAG DI GIUGNO

Meglio tardi che mai... ma il mese di maggio è uno dei più complicati per noi donne. In più mettiamoci il caldo, la fine della scuola e tutto il resto e... insomma siamo in ritardo.
Partiamo subito col nuovo verbo PROMETTERE e il nuovo sketch di Lara (grazie sei sempre un angelo!!!)


Nel pubblicare il nuovo sketch, approfittiamo per dare delle piccole spiegazioni sulle modalità di partecipazione. Laura ci chiedeva di farlo e noi prontamente rispondiamo.
Quello che è importante è seguire lo sketch in grandi linee, interpretare il verbo ovviamente, ma secondo il vostro gusto e soprattutto seguendo le emozioni che quel verbo suscita in voi. Un verbo può essere interpretato in maniere molto differenti. La cosa importante è viverlo quel verbo.
Qualche settimana fa Lucia mi ha scritto in privato chiedendomi se con uno stesso progetto si poteva partecipare a sfide differenti. Beh certo, noi non lo vietiamo. Ma io ho aggiunto una mia personalissima visione della creazione di un progetto.
Se stiamo facendo una tag per il verbo illuminare, dobbiamo sentirci trasportati da quelle sensazioni, se cominciamo a metterci i vincoli di altre sfide, a mio avviso, si rompe la magia in un certo senso. Quello che stiamo cercando di trasmettervi con queste sfide è un messaggio di libertà assoluta, di trasporto totale delle emozioni.

Detto questo passiamo alle interpretazioni del DT e della GD Stefania...

YAYA


DANDA


STEFANIA


Come potete vedere ognuna di noi si è fatta trasportare in maniera assolutamente diversa.

Adesso arriviamo alle vincitrici. Ebbene sì questo mese ne abbiamo tre. Mi prendo tutta la responsabilità di questa scelta e spero non me ne voglia la "direzione". Vi mostriamo le immagini e poi vi spiego il perché della decisione di questo mese. Intanto grazie per avermi fatto festeggiare il mio compleanno con le vostre tag. 

In ordine alfabetico

MIRIA


MONICA



ZOEY


Ragazze siete grandi e vi elenchiamo i motivi della vostra grandezza. Le vostre tag portano con loro una grandissima poesia. Sono commoventi, fanno emozionare, raccontano una storia e lo fanno magistralmente. Sono tecnicamente interessantissime. La seconda tag di Monica ( eh sì, Monica ha voluto farmi regalo doppio e io mi sono letteralmente sciolta. Grazie sei un tesoro, davvero) si ispira ad uno dei post tecnici di ska e questo per noi è un traguardo enorme. A chi ci legge chiedo solo un enorme favore. Guardate con attenzione queste tag, sono piene zeppe di dettagli particolari e significativi. Prendete del tempo e soffermatevi su questi progetti ne vale davvero la pena.
Io predico sempre la stessa cosa PRENDETE DEL TEMPO PER EMOZIONARVI. Questo accade solo se ci fermiamo qualche istante in più sulle cose. Lo so sono noiosa, ma quante cose si perdono per andare di fretta? Non odiatemi... 
Grazie di cuore a tutte e speriamo di vedervi numerose per lo sketch di giugno. Avete tempo fino al 30 di questo mese.
Noi ci vediamo fra pochi giorni con il post di tecnica. Baci baci




5 commenti:

Miria ha detto...

Grazie!!!!! E' davvero un'emozione anche leggere il vostro commento e trovare il mio progetto in splendida compagnia! Spero di partecipare anche questa volta e ancora auguri, Danda!
Miria xxx

Miria ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Margiù ha detto...

tutti progetti fantastici i vostri ...la guest e le vincitrici!!
attendiamo come sempre il tutorial!

monica sacco ha detto...

Grazie mille DANDA! Le tueparole mi hanno fatto commuovere...hai detto bene le tags, mie e quelle di Miria e Zoey, esprimono poesia e raccontano una storia...perché veramente quando ci si lascia andare, quando si "perde" un pò di tempo a "guardare" sarà l'emozione a guidare le nostre mani, nella scelta dei colori e dei materiali. Grazie Danda per i preziosi consigli che ci lasci nei post di tecnica e di nuovo per le belle parole! Grazie grazie grazie!Un abbraccio Monny

monica sacco ha detto...

Grazie mille DANDA! Le tueparole mi hanno fatto commuovere...hai detto bene le tags, mie e quelle di Miria e Zoey, esprimono poesia e raccontano una storia...perché veramente quando ci si lascia andare, quando si "perde" un pò di tempo a "guardare" sarà l'emozione a guidare le nostre mani, nella scelta dei colori e dei materiali. Grazie Danda per i preziosi consigli che ci lasci nei post di tecnica e di nuovo per le belle parole! Grazie grazie grazie!Un abbraccio Monny